COMING SOON
facebook.com/larivieradelbrentavenezia

La Riviera del Brenta nell’Arte

Nel corso dei secoli sono state numerose le testimonianze artistiche che hanno celebrato la Riviera del Brenta.
E’ nel 1667 che Giovanni Sagredo, procuratore di San Marco e  ambasciatore della Repubblica di Venezia, pubblica “L’Arcadia in Brenta” raccontando di una lieta brigata di nobili veneziani che salgono sul burchiello per trascorre una settimana tra Ville, giardini, peschiere e luoghi ameni di quella dorata arcadia che è la Riviera del Brenta.

La Riviera del Brenta è “una delle più belle villeggiature d’Italia” scriverà Carlo Goldoni nel 1749 che ivi ambienta la sua “Arcadia in Brenta”, opera buffa, con musiche di Baldassarre Galuppi, che racconta dei nobili e dei ricchi borghesi veneziani e delle loro smanie per la vacanza sulla terraferma. Ricordiamo i grandi incisori quali Vincenzo Maria Coronelli (1650-1718), cartografo ed enciclopedista,
famoso in tutta Europa, che nel 1709 pubblicò “La Brenta, quasi borgo della città di Venezia, luogo di delizie de’ veneti patrizi, delineata
e descritta.”

 

Una delle più belle villeggiature d’Italia
Carlo Goldoni

Johann Christoph Volkamer (1644-1720), intraprendente commerciante, botanico di Norimberga con uno speciale interesse per l’universo degli agrumi, nel 1714 pubblicò la “Continuation der Nürbergischen Hesperidum”, che presenta paesaggi e ville del nord-est italiano, tra cui la Riviera del Brenta.
Giovanni Francesco Costa (1711-1772), celebre architetto veneziano, pittore di scenografie ed autore di incisioni, che nel 1750 pubblicò un raccolta di incisioni riguardanti paesaggi e Ville della Riviera del Brenta con il titolo “Delle delicie del fiume Brenta espresse ne palazzi e casini situati sopra le sue sponde dalla sboccatura nella laguna di Venezia fino alla città di Padova”.

Come non ricordare i grandi vedutisti veneziani del ‘700 quali  Canaletto, Guardi, e Cimaroli, ma anche pittori eccelsi quali Giambattista e Giandomenico Tiepolo o artisti della scuola arcadica
quali Giuseppe Zais. Non possono non restare impressi nella mente
e affascinare gli artisti, gli scorci e i paesaggi pittoreschi della Riviera del Brenta, la sua natura rigogliosa e l’architettura complessa e varia; ogni villa è diversa dalle altre, ruba lo sguardo e distoglie i pensieri. Viene spontaneo fantasticare di altri tempi, usanze ed abitudini, un’altra dimensione che troviamo nelle suggestive opere d’arte arrivate fino a noi.

Contatti

VENEZIA METEO

Prenota la tua vacanza

Follow us